Considerazioni per la scelta del saldatore per brasatura dolce

La scelta di un saldatore per elettronica, è funzione del tipo di saldatura (nome corretto brasatura dolce) che si vuole eseguire e in che quantità.
Considerando che esistono in commercio sostanzialmente due tipologie di saldatori, ovvero la stazione saldante e il saldatore a stilo, si può pensare di lasciare il primo per utilizzi di tipo professionale, e considerare il secondo per applicazioni hobbystiche, ovvero il saldatore a stilo o a penna, sostanzialmente per la differenza di costo tra le due tipologie.
La stazione saldante, budget permettendo a mio avviso trova nella Weller leader indiscusso del settore, per affidabilità innovazione e prestazioni, e non solo per le stazioni saldanti…

 

weller

fonte immagine link weller

Ora il saldatore a stilo, o a penna è disponibile in diverse fasce di prezzo , per potenze dai 15 watt sino ai 60 watt, e con differenti tipologie di punte. La sua realizzazione lo rende comodo nel suo utilizzo di brasatura dolce su pcb, proprio come utilizzare una penna. A differenza del saldatore a penna si può trovare in commercio anche il saldatore a pistola, a mio avviso inadatto per brasatura dei componenti su pcb, per diversi motivi : la sua realizzazione con trasformatore amperometrico lo rende molto pesante, quindi poco pratico da utilizzare e la sua punta non è assolutamente sottile, inoltre la sua potenza di circa 110 watt non è consigliabile per le povere piazzole e piste del pcb, inoltre il trasformatore genera del campo magnetico poco consono con alcuni dispositivi elettronici, quindi il saldatore a pistola io lo lascerei ad eventuali saldature su scocche o conduttori in rame o similari… 😉 

saldatore pistola

Per i saldatori a stilo ad esempio si parte da quelli disponibili in versione kit con stagno (o meglio lega saldante SnAg/SnPb) a pochissimi euro che presentano una punta in rame fissata da una vite, questo tipo può andar bene per un utilizzo sporadico, mentre per un utilizzo amatoriale si passa a considerare modelli di produttori più attendibili che offrono saldatori a stilo di varie potenze e caratteristiche tecniche migliori, oltre a differenti tipologie di punte, come ad esempio il mio JBC30S , uno stilo da 25 W che mi ha accompagnato in moltissime realizzazioni, ed ancora perfettamente funzionante e con la sua punta originale …

saldatore a penna JBC

per terminare con i modelli a stilo a base termostata, cioè consentono di regolare la temperatura entro un determinato range, funzione comoda per chi ha a che fare con dispositivi sensibili alla temperatura. Il Lafayette di seguito raffigurato è una versione base, che non ha grosse pretese ma svolge egregiamente il suo lavoro…

Saldatore lafayet

Come del resto anche il fratello maggiore della potenza di 50 W ma con regolazione e set della temperatura con display ….

staz salda lafayette

Altro aspetto fondamentale nel considerare marchi affidabili è quello di avere un saldatore fra le mani con le dovute rispondenze alle normative di prodotto CE, che evita la possibilità di introdurre disturbi elettrici in fase di brasatura verso la scheda-componenti presenti ed offre la possibilità di avere disponibile eventuali punte di ricambio elemento principale di un saldatore.
Il tempo di riscaldamento di una punta per portarsi a regime di funzionamento può essere considerato un indice di qualità se risponde in tempi brevi, intorno ai 30-40”.
La punta del saldatore durante il lavoro di brasatura a temperature che oscillano tra i 300 – 320 °C nel tempo si consuma, con una certa erosione tipica delle punte economiche, a differenza delle punte migliori che sono galvanicamente trattate nella parte superiore che non interessa alla brasatura, e la punta è stagnata. In questo tipo di punte non bisogna mai utilizzare strumenti abrasivi per pulirle, ma la semplice spugnetta inumidita di acqua.
Pertanto sulla base delle mie esperienze di saldatura, pardon brasatura dolce su pcb, due buoni saldatori stilo della potenza di 25 watt e 50 watt con punta fine, e di diverse sezioni ,se si considera un marchio affidabile per entrambi, direi che sia più che sufficiente per realizzare ottime saldature ; se poi si ha necessità di eseguire molte brasature dolci allora si dovrà considerare una stazione saldante trovando un compromesso fra budget e prestazioni.

Print Friendly, PDF & Email
(Visited 638 times, 1 visits today)
No votes yet.
Please wait...
Voting is currently disabled, data maintenance in progress.
Precedente La dolce brasatura in elettronica … Successivo La lega SnPb nella “brasatura dolce” in elettronica, meglio nota come “saldatura” .

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.