DSO un piccolo ed utile strumento ..

In questa breve esposizione l’idea è quella di presentare, per chi già non lo conosce, uno strumento di misura che nelle sue ridotte dimensioni (e caratteristiche) riproduce uno strumento noto agli elettronici (un po’ meno agli elettrotecnici), quale appunto l’oscilloscopio digitale.

Senza entrare nello specifico (non potrei  :mrgreen: ) in breve si può dire che l’oscilloscopio è uno strumento in grado di misurare e memorizzare grandezze elettriche  variabili nel tempo con intervalli di ripetizione del segnale  di centinaia , e migliaia di periodi al secondo. La misura eseguita viene visualizzata su un apposito schermo grafico di tipo LCD che ha sostituito i vetusti tubi a raggi catodici.

L’oscilloscopio oltre che eseguire la misura dell’ampiezza di una grandezza fisica, viene utilizzato anche per analizzare la forma d’onda della grandezza sotto misura, o per misurare indirettamente il valore di frequenza di un segnale variabile, o per confrontare la forma d’onda misurata con quella che dovrebbe essere presente, come da progetto, in quel punto o ramo di circuito, valutando eventuali deformazioni della forma d’onda rispetto a quella originale.

Lo strumento che vedremo, nelle sue dimensioni e caratteristiche come ho già scritto direi sia idoneo per “apprezzare” la forma d’onda di un segnale in applicazioni particolarmente hobbystiche e limitate alle caratteristiche dello strumento stesso; stiamo parlando del DSO 150 prodoto dalla JYTech e distribuito su molti canali online.

 è uno strumento che a mio avviso si presta bene per rilevamento di forme d’onda in casi pratici (hobbystici), come può essere ad esempio quella di inserirlo come “strumento da pannello su un generatore di segnali” o applicazioni simili.. inoltre c’è da considerare la possibilità di acquistarlo già montato o in versione kit .. ovviamente io ho scelto la seconda 😀

Acquistato online, con i tempi di consegna che i prodotti by china ci offrono, il pacchetto arrivato ben  confezionato, presenta il kit in una scatolina bianca (non fate caso agli altri accessori) con appunto riportato il logo DSO ..

Al suo interno si trovano due fogli A4 che riportano le istruzioni di montaggio step by step e molto semplici e le caratteristiche dello strumento. Poi si trovano i componenti hardware, ovvero il cabinet, la scheda digitale con lo schermo LCD già cablato, la scheda analogica, la schedina dell’encoder, i componenti passivi ed i connettori da installare, e la sonda bnc-becchi di coccodrillo per la misura

Io ho scelto la versione in kit con i soli componenti passivi da installare, facendo attenzione a non prendere la versione con i componenti SMD da installare, perché quest’ultimi per la loro installazione (saldatura) richiedono una precisa attrezzatura ed una grande pazienza .. due elementi che a me mancano .. 🙂

Il montaggio del kit è molto semplice, è sufficiente seguire le istruzioni e prepararsi dapprima i componenti ed un buon saldatore a stilo di piccola potenza, io ho preparato i resistori ed i vari componenti (misurandoli) dapprima su un foglio A4 bianco cosi da averli pronti man mano per il montaggio..

Il montaggio prevede come primo step la verifica di funzionamento del display, semplicemente alimentando la scheda digitale e verificando sul display la comparsa del segnale grafico, per poi passare alla saldatura sulla scheda digitale del terminale di test e del connettore 0,1” rettangolare, lo switch SW5 di power on/off, i connettori a pettine, ed i quattro pulsanti di controllo; per poi passare all’eliminazione del resistore R30 in SMD.

Questo resistore, viene eliminato perché inizialmente bypassa (prova iniziale) lo switch di power on che viene installato in seguito, pertanto non sarà più necessario.

Scheda digitale lato installazione componenti..

Scheda digitale lato frontale o display LCD ..da notare i 4 pulsanti installati ..

A questo punto si passa alla scheda analogica, che prevede il montaggio e quindi la saldatura delle 16 resistenza, che ho dapprima sistemato sulla scheda e poi saldato, facendo attenzione alla corrispondenza sigla/valore ..

Dopo aver saldato le resistenza ed eliminato i reofori in eccesso si è passati al montaggio dei condensatori ceramici, del selettore  SW1, poi dei condensatori elettrolitici, del connettore BNC , e del connettore a pettine, terminando così il montaggio della scheda analogica..

Lo step successivo, prevede la realizzazione della basetta di encoder, molto semplice

Ed il relativo montaggio sulla scheda digitale, quest’ultima poi fissata sul pannello frontale dello strumento, con le viti in dotazione nel kit e come raffigurato nelle istruzioni. A questo punto lo step 4 della seconda fase prevede una verifica prima di continuare il montaggio, e cioè la misura delle tensioni nei punti indicati nella tabella riportata sempre sul foglio di istruzioni, una eventuale difformità nei valori misurati sarà da considerare come stop dei lavori e ricerca del difetto come indicato nella tabella di troubleshooting a pag 4 sempre delle istruzioni.

Poiché i valori di tensione misurati sono risultati corretti si è proseguiti nello step successivo che prevede l’aggiustamento dei compensatori C3 e C5 con il segnale di test da 1kHz prelevato dal terminale di test dello stesso strumento.

Per poi ultimare il montaggio ..

Le caratteristiche delle strumento, sono riportate nel foglio di istruzioni, ma per comodità le riporto di seguito ..

  • Banda passante 0 – 200 Khz
  • Range verticale 5mV/div – 20V/div
  • Base dei tempi (Range orizzontale) 10us/div – 500s/div
  • Massima tensione in ingresso 50 Volt (si può aumentare utilizzando una sonda 10:1)
  • Risoluzione 12 bit
  • Memorizzazione 1024 punti
  • Alimentazione esterna 9 Vdc (8/10 V)
  • Consumo 120 mA
  • Peso 100 grammi
  • Dimensioni 105 x 75 x 22 mm

 

Cercherò in seguito di presentare le prove di misura che proverò a fare con questo nuovo strumentino .. nel frattempo buon montaggio .. :mrgreen:

 

 

Print Friendly, PDF & Email
(Visited 2.388 times, 8 visits today)
Rating: 5.0/5. From 5 votes.
Please wait...
Precedente ESTRATTORE SOXHLET Successivo Utilizzo del DSO ..

2 commenti su “DSO un piccolo ed utile strumento ..

  1. KirkadminKirkadmin il said:

    Complimenti Elettrico, articolo veramente piacevole da leggere e interessantissimo per chi è appassionato e non vuol spendere molti soldi per strumentazioni professionali. Probabilmente sarà il mio prossimo acquisto. Grazie

    Rating: 5.0/5. From 1 vote.
    Please wait...
    • Grazie admin, lei è troppo buono 🙂 Comunque le anticipo che lo strumento seppur versatile si presta bene per applicazioni hobbystiche, non certo per sostituire un “vero oscilloscopio”, resta interessante l’aspetto costruttivo e pratico di questo piccolo strumento, dal costo irrisorio ..insomma che dire.. vale quel che costa ; ) Se mi riesce dovrei poi postare una breve descrizione sull’utilizzo ed alcune misure. Buona Domenica a Lei ed ai lettori/utenti di questo simpatico spazio web.

      No votes yet.
      Please wait...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.